magia

Visualizza articoli per tag: magia

Martedì, 27 Gennaio 2009 13:27

Max Vellucci: la differenza tra un mago e...

Se tutti i maghi fossero fans di David Fincher, e la prima regola della magia fosse: non parlare mai della magia, sarebbe un bel guaio riuscire ad intervistarne uno; fortunatamente, come scopriremo insieme, la legge fondamentale in materia è un'altra, e così possiamo approfittare della disponibilità di Max Vellucci, illusionista, mentalista e fondatore della Compagnia delle Ombre, per toglierci qualche curiosità in materia...

Pubblicato in Interviste
Martedì, 27 Gennaio 2009 14:08

SuperMagic 2009 in scena l'illusione

Piove ancora nella Capitale, nessun mago della pioggia ha potuto niente contro questa ondata di maltempo che imperversa sulla città e ci sta trasformando tutti in rospi bipedi di prima generazione, eppure “the show must go on” e noi ne abbiamo approfittato per a vedere uno spettacolo davvero sorprendente.

Pubblicato in Report Live
Martedì, 27 Gennaio 2009 16:50

Quel Cinema fatto di Illusioni

[CINEMACITTA']

Alessia_GrassoiOgni grande numero di magia è composto da tre atti: la prima parte viene chiamata la Promessa, l'illusionista ti mostra qualcosa di ordinario, un mazzo di carte, un uccellino o un uomo; ti mostra questo oggetto, magari ti chiede di ispezionarlo, di controllare se sia davvero reale, inalterato o normale, ma ovviamente è probabile che non lo sia.
Il secondo atto è chiamato la Svolta, l'illusionista prende quel qualcosa di ordinario e lo trasforma in qualcosa di straordinario. Ora voi state cercando il segreto ma non lo troverete, perchè in realtà non state davvero guardando, voi non volete saperlo, voi volete essere ingannati. Ma ancora non applaudite, perchè far sparire qualcosa non è sufficiente, bisogna anche farla riapparire. Per questo c'è sempre un terzo atto, il più arduo, ciò che viene chiamato il Prestigio, dove succede l’inaspettato e si assiste a qualcosa che non si era mai visto prima d’ora
.”, ogni Mago conosce i suoi trucchi, il sistema migliore per toccare le debolezze visive di noi spettatori, rendendoci come dei veri e propri burattini nelle loro mani.
Il nostro caro Michael Caine ne sa qualcosa, perché è lui che in The Prestige si elegge come primario narratore, introducendoci negli oscuri meandri dei trucchi di prestigio, nella rivalità tra i due illusionisti Hugh Jackman e Christian Bale.The Prestige, diretto dal “cavaliere oscuro“ Christopher Nolan, è solo il primo di una serie di pellicole che tratta un tema così affascinante come quello dell’illusionismo, basato sul l’omonimo romanzo di Christopher Priest.

E se ci pensiamo bene, l’illusionismo in sé, posto su un grande schermo, si lega inevitabilmente a quella che è l’arte cinematografica.
Il paragone si fa palese e necessario, perché il cinema come una magia si fa gioco di noi spettatori, pronto ad uscire, d’improvviso, i suoi colpi di scena migliori: ed è così che, la spiegazione di Caine circa i grandi numeri di magia, si confonde con il potere della pellicola stessa, capace di dividersi in tre unici atti.
Peccato che, simili lungometraggi, non interessino spesso il comune spettatore, non almeno quanto i veri spettacoli di magia dal vivo: perché The Prestige, seppur possegga una regia impeccabile, non è stato in passato premiato, risultando un vero flop quanto il suo acerrimo rivale The Illusionist.
L’illusionista, diretto da Neil Burger, presenta un cast di tutto rispetto: dal nostro amato Edward Norton, al “Man In The Water” Paul Giamatti, fino al poco ed ingiustamente considerato Rufus Sewell (quando invece sarebbe perfettamente dimenticabile una Jessica Biel), rinchiuso nei soliti ruoli di cattivo-insulso, ben lontano dal gotico Dark City del ‘98.

I due film, a loro modo, hanno cercato di riportare a galla quel genere che Orson Welles, nel lontano 1974, rese un vero e proprio collage artistico, con il nome di F for Fake.
L’ultima opera di Welles ci mostrò come il cinema stesso non fosse altro che un’intera illusione, tramite le proprie maschere, i propri giochi d’astuzia e quei racconti che si distanziavano così tanto dalla realtà di tutti i giorni.
Welles era il nostro illusionista per eccellenza, che fin dai tempi di Citizane Kane (Quarto Potere), portò lo spettatore a perdersi nei suoi piccoli giochi di prestigio, tra montaggi, luci e percorsi narrativi degni di un vero mago professionista.
Perché è spesso difficile parlare di illusioni in un’illusione stessa come il cinema e pellicole come The Prestige e The Illusionist, si assumono il compito non solo di narrare le vicende drammatiche di una serie di personaggi ma anche di trasformare il racconto in una metafora vivente della menzogna e della distorsione della realtà.

A quanto pare un obiettivo molto diverso da quelle pellicole che, invece, tentavano semplicemente di narrare le vicende di grandi prestigiatori come “Houdini”, in assoluto il più gettonato con l’ultima delle pellicole del 2007 diretto da Gillian Armstrong e con protagonisti Guy Pearce e Catherine Zeta Jones, dal titolo Death Defying Acts, ovvero Houdini, l’ultimo mago.
Un corpo diviso a metà, una persona che sparisce dentro una cassa e conigli che saltano fuori da lucidi cilindri neri, sono ciò che ci avvicina di più al desiderio del paranormale.
Ma ciò che ci viene sempre ricordato è che un trucco di magia è sempre basato sulla scientifica razionalità e va ben lontano dalle magiche fantasie che fanno sorridere così tanto i bambini: c’è sempre una spiegazione più che plausibile nei numeri mostrati al pubblico e l’unica astuzia possibile è quella di ipnotizzare lo spettatore secondo il proprio volere.
Che sia realtà o finzione, razionalità o magia con tanto di bacchetta fatata, quello che piace a noi è sognare oltre ogni limite d’immaginazione, spalancare la bocca e stupirci di fronte all’impossibile, cercando una spiegazione che per noi non esiste.
E’ di questa materia che è fatto il cinema stesso e che tratti o meno del tema stesso della magia e dell’illusione, ci lasciamo abbindolare dalle sue storie e dai suoi scioccanti colpi di scena.

Pubblicato in Rubriche
Martedì, 27 Gennaio 2009 16:35

Quel pasticciaccio brutto chiamato magia...

[STRIP-TEASE: FUMETTI MESSI A NUDO]

diegociorraImmaginate di dover fare un censimento dei personaggi magici apparsi in una storia a fumetti: domani mattina vi trovereste una coda fuori la porta lunga da qua alla Cina. E non in fila indiana, ma a due a due!
Il punto è che parlare di magia significa dire tutto e niente, vuol dire includere quella bianca, quella nera, gli animali parlanti delle favole, gli amuleti che trasformano ragazzine acerbe in ammiccanti cantanti da disco d'oro, i regni fantasy e i demoni dei gironi infernali, che di sicuro non sono scienziati.

Pubblicato in Rubriche
Mercoledì, 28 Gennaio 2009 12:58

Torino magica, Napoli misteriosa

[CURIOSITA']

Torino magica: tra bene e male

Ogni luogo ha una storia, un'origine e un'identità che non mutano con il passare del tempo e che guidano, inconsapevolmente e inesorabilmente, la vita dei propri abitanti. Così anche Torino, che ha i suoi racconti e le sue leggende. Il bianco e il nero, il bene e il male, gli opposti si fondono tra le strade di Torino per dare vita ad una realtà fatta di contraddizioni e mistero. Ed è così che nasce la Magia.
Per parlare di occulto bisogna partire fin da quelle che furono le fondamenta della città…

Pubblicato in News

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti