Stampa questa pagina
Martedì, 05 Agosto 2008 11:49

Cosmophonies 2008: Ostia Antica si veste d'arte

Scritto da Ilenia Polsinelli
Vota questo articolo
(0 Voti)
[MUSICA]

Anche quest’anno il Teatro Romano di Ostia Antica a Roma ha rinnovato l’atteso appuntamento che allieta le notti romane ormai da ben otto anni: stiamo parlando di COSMOPHONIES 2008 il Festival Internazionale di Musica, Teatro e Danza. Giunto ormai alla sua undicesima edizione, dal 20 giugno al 29 luglio ha regalato al pubblico accorso numeroso anche questo anno, spettacoli di alto livello del variegato scenario artistico.


Si passa dalla musica d’autore, alla musica rock, dalla lirica al teatro, dal cabaret alla danza, tutto perché anche il pubblico più esigente possa rimanere soddisfatto.

La manifestazione è organizzata dall’Associazione Cosmophonies in collaborazione con la Prandi Eventi e la The Base, sotto la direzione artistica di Marco Prandi Ferrazzini, e si avvale del patrocinio del Ministero dei Beni Culturali, della Regione Lazio e della Provincia di Roma, entrando a pieno titolo tra le manifestazioni dell’Estate Romana.
La caratteristica che rende unico questo Festival è lo splendido scenario che solo il Teatro di Ostia può regalare: una cornice magica all’interno della quale si sono tenuti gli spettacoli, alternandoli a passeggiate notturne nei romantici viali di Ostia antica ammirando gli scavi illuminati ad arte per l’occasione.

Il Festival che ha visto il suo debutto nel 1998 è ormai diventato uno degli appuntamenti più attesi di Roma e dintorni. Il 20 giugno data di inizio, il pubblico ha ammirato lo spettacolo di cabaret Faccio tutto da solo del comico romano Maurizio Battista, una sorta di parodia dei nostri tic quotidiani, sintomi evidenti del logorio della vita moderna.
Nell’ambito della danza invece, il Teatro Romano di Ostia ha avuto il piacere di ospitare la bravura del ballerino della Scala di Milano, Raffaele Paganini, con lo spettacolo Amor De Tango accompagnato dal Balletto di Milano.
Come non citare poi lo spettacolo Fabbrica di Ascanio Celestini? Davvero un cantastorie che ci riporta attraverso racconti e frammenti di storie, al vissuto fisico della fabbrica alla fine della seconda guerra mondiale.
Musica ad alti livelli si è avuta anche il 16 luglio con Giovanni Allevi e il suo Evolution Tour, unica data ufficiale nel Lazio in cui il compositore e pianista marchigiano ha presentato il suo affascinante progetto di rielaborazione della tradizione classica europea aprendola a nuove tendenze pop e contemporanee.
Non sono certo mancate le sonorità contaminate di Goran Bregovic & la sua Orchestra, il 23 luglio l’artista ha offerto un sound mescolato di sonorità variegate, come la fanfara tzigana, le polifonie tradizionali bulgare, il tutto accompagnato da chitarra elettrica e percussioni tradizionali con delle accentuazioni rock.
Il 25 luglio ha visto come protagonista La Grande Notte Soul – Blues & Wine Summer Tour 2008, con i più grandi artisti del blues e del soul mondiale, nomi come Chris Cain Band, Joe Castellano Blues Band fino alla J.W: Williams Blues Band, che si sono alternati con maestria, accompagnati da tanti altri artisti.
Il festival si è concluso con una delle più grandi formazioni del rock contemporaneo i Mars Volta donando un’eccellente chiusura degna di un evento unico nel suo genere. Mancherete il prossimo anno, sapendo cosa vi siete persi ora?

Letto 6241 volte Ultima modifica il Lunedì, 04 Maggio 2009 23:42

Articoli correlati (da tag)