Giovedì, 20 Marzo 2008 12:31

Un Clochard per Pasqua

Scritto da Danilo Grossi
Vota questo articolo
(0 Voti)
In attesa della Pasqua, anche per riflettere un po’ siamo andati ad assistere ad una serata particolare. Di quelle che non ti capita di vivere troppo spesso.
Di solito una serata tributo viene organizzata per qualche artista, poeta, pittore, musicista che sia, giunto già da un po’ alla fine dei suoi giorni. Invece stavolta è diverso. Il Circolo degli Artisti di Roma, martedi sera 18 marzo ha visto alternarsi sul palco le migliori espressioni artistiche della scena romana indipendente: Tetes de bois, Momo, Collettivo Angelo Mai, Riccardo Sinigallia, Raffaella Misiti + Stefano Scatozza (Acustimantico), Luca de Nuzzo + Andrea Pandolfo, Alessio Bonomo. , Filippo Gatti e Giulia Anania, Rocco PapaleoA tenere le fila della serata un Andrea Rivera particolarmente in forma.

Niente male per una serata al Circolo no? E tutto in favore di Evio Botta, il sindaco dei Clochard.
Particolare e degna di essere raccontata la sua storia: 48 anni, poeta, barbone conosciutissimo a Roma come “Il sindaco dei barboni”. Sono 21 anni di che vive per strada e presta a suo dire “onorato servizio”.

La strada per Evio non è una scelta di vita. Nessuno ha mai scelto di vivere male. Evio è un senza tetto insolito. Legge, scrive poesie, ha fondato l’università dei barboni. Non tutti sanno che il 30% dei barboni d’Italia, infatti, sono laureati. Si è candidato al Comune di Roma, qualche anno fa, con una lista civica chiamata i “senza voce”, ma per vincere sono mancati “appena” 700 mila voti.Un clochard un po’ particolare.

Uno che ti genera simpatia, uno che ti coinvolge con la sua forza e la sua arte. E la serata al Circolo lo ha dimostrato. Ogni artista salito sul palco, oltre alla propria espressione artistica, si è cimentato con l’arte di Evio Botta. Dalle sue poesie ai racconti sempre sul filo di una realtà fatta di momenti difficili, di una realtà fatta di vita vera, ma di una realtà che nasconde momenti di riscatto anche se sei clochard e chiedi l’elemosina. Ma lo fai con dignità.
Buona Pasqua a tutti.
Letto 5472 volte Ultima modifica il Venerdì, 24 Aprile 2009 00:28

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti