Mercoledì, 27 Febbraio 2008 15:28

Goth-dark: mistero della musica

Scritto da Gabriella Radano
Vota questo articolo
(0 Voti)
[ATTUALITA']

 

"Il diverso non verrà mai accettato veramente. Per quanto la società faccia il possibile per promuovere programmi di integrazione… il suo destino è quello di restare per sempre solo." (Tim Burton)
Volti truccati con linee marcate e aggressive. Abiti che arrivano ad azzardare al massimo il viola e il grigio oltre, naturalmente, al dominante nero. Attratti da iconografie macabre, si adornano di teschi, croci nonché rosari usati a mo’ di piercing. I capelli seguono modelli di acconciature pun

Il movimento dark assume importanza in campo culturale attraverso la sua capacità di influire su moda e costume. In particolare sulle sue giovani leve.
Di recente è emersa la valenza terapeutica di questo movimento: dati pubblicati dal British Medical Journal mostrano come aderire o banalmente assumere un look dark durante l’adolescenza, disinneschi le tendenze autolesionistiche di svariati teenager.
Lo psichiatra Michael Van Beinum spiega: “Per molti giovani con problemi psichiatrici la sottocultura gotica può essere molto attraente perché permette loro di inserirsi in una comunità nella quale i loro disagi sono compresi e accettati con maggiore facilità”.

L’estetica dark annovera la sua influenza anche su una rosa di artisti eterogenei, come Madonna, o più recentemente Placebo, Noir Désir, Litfiba, le atmosfere dei film di registi noti come Tim Burton e il look di attori famosi come Winona Ryder e Johnny Depp.
Ma da dove viene il dark? Inghilterra fine anni ‘70 – inizio anni ’80: è qui che si sviluppa la musica gotich, meglio nota in Italia come dark. Il gotich rientra nella corrente new- wave inglese quale diretta evoluzione del post-punk.
Questo genere musicale raggiunge l’apice del successo a metà degli anni ’80 ed è considerata come la forma più oscura e tenebrosa del rock underground.

Gli strumenti musicali prevalentemente usati sono: voce, chitarra, basso, batteria, sintetizzatori. Preferiti i suoni cupi, ossessivi e tetri. I testi, inizialmente introspettivi e personali, si spingono successivamente verso il romanticismo letterario, la morbosità, la simbologia religiosa e l’epico. Considerate eccellenti le atmosfere lugubri o, comunque, opprimenti, malinconiche, tristi.
Precursori del goth rock britannico i Siouxsie and the Banshees, Bauhaus o Joy Division. Si tratta di esponenti del Post-punk, che ispirarono il fondamento iniziale sul Goth rock. Nel caso dei The Cure e i Siouxsie and the Banshees, questi dopo un iniziale periodo post-punk, hanno sviluppato una loro personale intepretazione del Goth Rock.

The Cure, Siouxsie and the Banshees e Mission U.K. hanno col tempo introdotto elementi più Pop nella loro musica, mentre Sisters of Mercy, Fields of the Nephilim e gli americani Christian Death hanno sviluppato sonorità più aggressive, talvolta confinanti con l’heavy metal.
Intorno agli anni ’90 la musica dark si avvicina al gothic metal che comprende un sound di ispirazione goth rock e metal, genere in via di sviluppo durante quel periodo. Il sound goth viene anche combinato con l’industrial rock e l’industrial metal.
E’chiaro che il carattere oscuro del movimento dark ci occulta i suoi aspetti ideologici e rende difficile una decodifica semplice e univoca delle sue caratteristiche. Inoltre c’è da sottolineare l’apoliticità del movimento che a differenza di hippie o punk, non si è mai pronunciata lanciando messaggi politici né moniti attivisti.
In fondo “I must fight this sickness, find a cure"…

Letto 6357 volte Ultima modifica il Lunedì, 04 Maggio 2009 15:09

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti