Martedì, 25 Gennaio 2011 16:00

Se Betty Page indossasse…

Scritto da Sofia Mattioli
Vota questo articolo
(0 Voti)
[DIMODA&DEMODE’]

ileniapolsinelliRiproposte a stampe colorate su t-shirt, protagoniste degli accessori e dell'oggettistica, imitate nel look da star internazionali e celebrate in festival come il Summer Jamboree, le pin-up sono icone dello stile.

Se l'immagine che viene riprodotta presenta solitamente caratteristiche precise e similari, la prima e indiscussa modella americana a cui le successive si sono ispirate è Betty Page nome d'arte di Bettie Mae Page, nata a Nashville nel 1923. Una mostra, allestita a Bologna presso la galleria Contemporary Concepts a cura di Filippo e Maurizio Rebuzzini ripropone alcuni scatti originali e 32 ingrandimenti che immortalano il fascino della sensualità anni 50 che osò sfidare il rigido codice morale della società puritana statunitense. Le immagini, realizzate da Irwing e Paula Klaw tra il DIOR_11951 e il 1956 in formato 10x13 cm in un formato compatibile alle modalità di vendita dell'epoca, ritraggono la diva immortale e mai così attuale.
Le passerelle della Fashion Week di Parigi che ad Ottobre anticipavano le tendenze della prossima stagione estiva, proponevano una rivisitazione dello stille di Betty Page unito a suggestioni esotiche e tinte tropicali. La collezione realizzata da Christian Dior e firmata da John Galliano, includeva infatti vestiti morbidi e fluttuanti dai colori vitaminici, tute a righe che rievocavano la vita alta anni ‘50 e curiosi connubi tra il fascino ammaliante delle pin-up e il colore delle spiaggie  polinesiane. Stampe floreali e cappelli da marinaio erano accompagnate da acconciature retrò e rossetto rigorosmente rosso.
Il bianco e nero degli scatti di Betty Page la prossima primavera si tinge di nuances decise e accattivanti, care Fashion Victim!

Sofia Mattioli

Letto 250380 volte Ultima modifica il Giovedì, 27 Gennaio 2011 00:39

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti