Martedì, 09 Novembre 2010 15:00

STOMP! Il riciclo del suono

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
[SPETTACOLO]

st25aROMA- Fino al 17 novembre tornano in scena al Teatro Olimpico di Roma gli STOMP con i loro ritmi travolgenti. Nata intorno agli inizi degli anni ’90 la Compagnia STOMP gira in lungo e in largo il mondo portando ritmi inimmaginabili nei palchi teatrali e coinvolgendo il pubblico di tutte le culture in ritmi urbani.

STOMP, che è nato in Inghilterra nel 1991 dalla creatività di Luke Cresswell e Steve McNicholas, è danza, teatro e musica insieme. La Compagnia, composta di diversi elementi per avere la possibilità di essere presente con molteplici spettacoli in diversi luoghi, è formata da un gruppo di attori, ballerini, acrobati e percussionisti capaci di suonare qualsiasi cosa creando sonorità travolgenti.
STOMP non è una parola, non esiste se non nello spettacolo da loro proposto o nei ritmi che ognuno può scoprire. E’ un ritmo che passa sopra alle partiture, per entrare nello scorrere quotidiano della vita, tra pentole e padelle della cucina o spazzoloni di strada.
Sicuramente questo è uno dei motivi per cui hanno successo a livello mondiale: perché STOMP scopre armonie del tempo scisse da culture e storie nazionali, entrando di fatto nell’olimpo della musica accessibile e, se vogliamo, riciclabile.

Lo spettacolo prende il via con 8 spazzini intenti a ramazzare per terra, lo spazzolone diventa così STOMP1strumento di una musica urbana e molto casalinga. In un vortice di equilibri e comicità i musicisti/attori si ritrovano a suonare rispettivamente scatole di cerini, lavandini pieni d’acqua, giornali, buste della spesa, raccogli spazzatura, accendini zippo, pentole, padelle, tubi e recipienti di plastica fino ad arrivare ai più rinomati bidoni della spazzatura.
Il pubblico, già di per sè entusiasmato dallo spettacolo, si ritrova tuttavia coinvolto, partecipando a scene comiche e completando pezzi musicali con battiti di mani e colpi di piedi.
Ciò che lascia senza fiato, oltre senz’altro alla produzione di ritmi entusiasmanti e coinvolgenti, è la capacità di scoprire sempre suoni nuovi da oggetti comuni che possono creare musiche impensabili. Una comunicazione forte, capace di coinvolgere ed entusiasmare il pubblico di ogni lingua, cultura, generazione. È sfida ecologica allo spreco urbano. La loro missione? Liberare, attraverso il ritmo, i suoni più comuni e per questo più sconosciuti dell’epoca contemporanea.
Il tour italiano proseguirà per tutto il mese di novembre e l’inizio di dicembre: dal 19 a Firenze presso il teatro Verdi, per poi approdare ad Assisi, Teatro Lyrick il 23 e 24; a Senigallia il dal 26 al 28 novembre al teatro La Fenice e si concluderà dal 30 al 5 dicembre a Torino sul palco del teatro Alfieri.

Manuela Tiberi

Letto 9679 volte Ultima modifica il Mercoledì, 10 Novembre 2010 13:05

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti