Stampa questa pagina
Lunedì, 24 Maggio 2010 09:17

Liquid Loft: Posing Project A – The Art of Wow

Scritto da Amanda Ronzoni
Vota questo articolo
(0 Voti)
[DANZA]

Wow_001MILANO- Wow! Un’esclamazione che per gli americani, ma non solo per loro, esprime apprezzamento. Ciò che produce Wow colpisce nel segno, seduce, lascia un’impressione positiva.

Secondo Chris Haring, coreografo austriaco e fondatore del collettivo Liquid Loft, abbiamo circa 7 secondi per fare colpo riscuotere una certa impressione in chi ci guarda: molto spesso non avremo una seconda occasione per incassare un Wow!
E il 12 maggio all’Hangar Bicocca di Milano sulle facce delle persone presenti allo spettacolo c’erano stampati decisamente tanti wow. Ad ogni posa, ad ogni movimento, ad ogni esclamazione dei cinque performer sul tappeto bianco, palco sui generis nei capannoni di archeologia industriale dell’ex area Ansaldo, a Milano.
Lo spettacolo Posing Project A/The Art of Wow è il primo di un trilogia composta da Liquid wow_002Loft nel 2007, insieme a Posing Project B/The Art of Seduction (2007) e Posing Project C/The Art of Garfunkel (2008). Il gruppo propone, non senza humour, una riflessione sui meccanismi di comunicazione e seduzione, esercitati o subiti,  nel corso degli scambi sociali e culturali dalle persone. I corpi dei performer esprimono la verbosità delle nostre conversazioni, la compulsività con cui cerchiamo di far colpo, traducendo in pose riconoscibili i significati che tentiamo di trasmettere a parole. Significati stereotipati, che spersonalizzano il corpo, lo privano della sua individualità, per adattarlo alle aspettative altrui, ai condizionamenti sociali.  Una narrazione in movimento fatta di gesti, suoni, espressioni che parla del bisogno insito in ognuno di essere apprezzato, di generare Wow! negli altri, di essere affascinanti, di bucare il muro di noia che permea gli occhi di chi ci sta intorno.
Uno spettacolo da guardare, ascoltare, percepire, che fonde danza, coreografia e musica, tra arte visiva e performance di media art.

Concezione artistica e coreografia: Chris Haring
Coreografia e danza: Stephanie Cumming, Dominik Grünbühel (nel cast originale Luke Baio), wow_003Alexander Gottfarb, Katharina Meves e Anna Maria Nowak
Suono: Andreas Berger
Drammaturgia e luci: Thomas Jelinek.
Scene: Aldo Giannotti
Organizzazione: Marlies Pucher.

Per maggiori informazioni, il sito ufficiale di Liquid Loft è www.liquidloft.com.
Per informazioni sulle attività di Hangar Bicocca: www.hangarbicocca.it.

Amanda Ronzoni
Le fotografie sono di Amanda Ronzoni © 2010 - riproduzione vietata.

 

Letto 14470 volte Ultima modifica il Lunedì, 24 Maggio 2010 09:22

Articoli correlati (da tag)