Lunedì, 05 Luglio 2010 12:36

Geoff Farina: chi va piano…

Scritto da Salvatore Massaro
Vota questo articolo
(0 Voti)
[MUSICA]

GeoffROMA- Di tutti i presenti non credo di essere stato il solo a rimanere perplesso, non tanto per la qualità musicale, quella sempre altissima, quanto per le scelte. Il live di Geoff Farina e Chris Brokaw di sabato 26 Giugno all’Init Club lascia i presenti con una domanda…

E’ forse arrivato per l’ex frontman dei Karate la maturità, intesa come  chiusura di un ciclo? Non che ci si aspettasse un concerto acid blues, per carità, però nemmeno uno show unplugged alla Kings of Convenience con forti tendenze country.
Nell’album registrato con Chris Brokaw, The Angel’s Message To Me, Geoff ha voluto concedersi un lavoro folk, molto tranquillo, con due voci e due chitarre acustiche che arpeggiando procedono, brano dopo brano, senza una particolare dinamicità e che spiazzano l’ascoltatore e lo costringono nell’attesa di una scossa che non arriva mai.
La sua voce mantiene ancora quei tratti distintivi ed eleganti e la sua chitarra è ancora “accarezzata”, ma della  forza e del  beat coinvolgente che lo caratterizzava  non si “sente” traccia.REPORT_LIVE_2__GeoffFarina Accompagnato da un Chris Brokaw che risulta essere  un ottimo musicista, il nostro si abbandona a cantate delicate e intime, troppo impalpabili per colpire, per distrarti da quella noia musicale che troppo spesso si sente in giro.

Apprezzabile comunque  la scelta dell’Init Club di proporre nel proprio calendario un appuntamento così, perché dimostra, nonostante tutto, il forte interesse a monitorare gli artisti che contano, qualunque sia la “fase” che stanno attraversando, perché, anche in questo caso la qualità della musica si sente e bisogna dire che per il tipo di progetto che e’, questo duo non ammette critiche se non quella umanissima di poter non piacere al primo ascolto.
In conclusione una serata tutto sommato riuscita, ma che lascia i presenti incerti sul percorso intrapreso da questo formidabile artista e con un unico punto di riferimento che resta (meno male!) il blues. Aspettiamo fiduciosi Geoff, possibilmente più “elettrico”!

 

Salvatore Massaro

Letto 4845 volte Ultima modifica il Lunedì, 05 Luglio 2010 12:42
Privacy Policy

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Leggi l'informativa.