Partner News

logo_ecoradioQuesta settimana martedì 16 febbraio il programma di Alfredo AngeliciLo stato interessante, in diretta su Ecoradio ospiterà in studio, alle 14:00, Runa Raido  (http://www.myspace.com/runaraidoband).

Dopo il successo della passata edizione continua la collaborazione tra il programma radiofonico di EcoRadio e UnPalcoperTutti - Roma.

Ogni settimana un gruppo diverso tra quelli selezionati al Contestaccio sarà scelto dalla giuria come ospite per uno showcase acustico negli studi di EcoRadio.

 

Per il programma aggiornato di UnPalco per Tutti 2009-2010 clicca qui.

 


RUNA RAIDO - 16-02-2010

Martedì 16 febbraio ospiti negli studi di Ecoradio i Runa Raido. http://www.myspace.com/runaraidoband.

runa_raidoI Runa Raido sono Marco Vallecoccia (chitarra + voce), Alessandro Vona (chitarra + voce), Gianluigi Nocella (batteria), Letizia Gaetani (basso).
Dopo pochi mesi dalla nascita del gruppo viene stampato un EP di cinque brani a cui segue un tour annuale nei maggiori locali del Lazio, soprattutto Roma e Frosinone. (Qube, Locanda Atlantide, Traffic, Cantina Mediterraneo, Dada Club, etc…)
Hanno partecipato all’edizione di MarteLive 2009, concorso musicale per gruppi emergenti, che li ha visti vincitori del premio speciale “Miglior Testo” e attraverso il quale hanno intrapreso una collaborazione con “X-beat Ufficio Stampa” di Roma. Sono entrati a far parte del roaster artisti “ScuderieMartelive”, formato dai migliori gruppi che hanno partecipato alle diverse edizioni di MarteLive.
Sono vincitori del concorso musicale “Tutta Farina Del Mio Sacco 09”.
Attualmente stanno lavorando alla composizione di nuovi brani e alla definizione del piano di lavoro per il loro primo LP, la cui uscita è prevista nell’autunno 2010. Come anticipazione è prevista a breve termine l’uscita di “Elettromanichini” come singolo su I-tunes e la stampa limitata di un EP.

 

 


LA CAROVANA DI WAZOO - 08-02-2010

Lunedì 8 febbraio intervista e showcase acustico per La Carovana di Wazoo. http://www.myspace.com/lacarovanadiwazoo

carovanaRECENSIONE MARTEMAGAZINE Che giudizio scomposto e infondato si può dare de La carovana di wazoo? Ci appare come un carrozzone affascinante di sperimentazioni emotive e pasticci di coguaro, questo sì, però tecni-camente la sento non come un white russian alla camomilla, ovvero non del tutto terapeutica, a parte la zappiana filastrocca circense (da modellare ognuno sulle insoddisfazioni ridicole che pre-ferisce) di "Mi pagano per farlo", che si impunta su un povero somarello carico di tre nanerottoli di burro e 77 sonaglini a forma di ciccio, che non va nè avanti nè indietro, creando impacci all'in-cantatore cornuto senza moglie (e perché no?) che procede grazie agli sberleffi del pubblico, ormai confuso anche riguardo al verso del proprio bacino, essendo stato per troppo tempo pagato per dire le cose al contrario. Mi ricorda qualcuno... La quiete apparente invece non riesce a distrarci dal pensiero molesto che "12 ore con Guendalina" sono probabilmente troppe, forse si potrebbe alleggerire lo sforzo invitando come terzo incomodo un lanzichenecco riccioluto e bassotto, nel ruolo di falso amicone, anzichè buttarla su quell'andamento ipnotico che usa la nostra fantasia più stellare logorandola con una chitarra graffiante che infine schiaccia ogni mandolino dando spazio agli errori imperdonabili dell'esistenza cantati da un paio di voci che si sollazzano con un languore incoerente. AmorPsiche rimette le cose nella giusta prospettiva, preferisce l'Ade all'Olimpo, specie in odore di psichedelia ficcata in un rock ossessivo da Pink Floyd prima fase, tipo Careful with that axe, Eugene mentre io Set the controls for the heart of the sun e li metto al massimo per far sparire l'ombra e scottarsi un po' con l'energia delle macchie solari così simili alle quelle di Rorsach, se ci si tuffa con l'I-pod tra i fornelli accesi e le orecchie (non provateci a casa!) "Ti addormenterai e ti stupirai perché martedì non ci sarò", sarò andato in cerca dei testi composti in Carovana, per poter vivere come te, o con più verosimiglianza, come loro, dice uno che rimpiange che "l'immensità non esiste più", a forza di consumarla con desolate ballate teneramente allucinate come "Canzone per vecchi animali" o con "film senza trama" col cui audio ci si addormenta tra le perplessità di una vita che, tra lente piccole, ripetute ripartenze, stinge grondando colori impastati in un'unica colata. dove immaginazione e realtà e ricordi si fondono in un marroncino indistinto "tra la morte e l'amore", piccola storia nella saga di un popolo estinto, che... "solo un dio invidioso avrebbe potuto odiarli, solo un dio cieco avrebbe potuto amarli". Mentre, se ci si inteerroga sul "Come", si resta intirizzito dal gelo tumefatto post-pro-gressive, che porta un pupazzo cavo a riconoscere che "non c'è niente dentro me". E se pro-vassimo a riempirlo di schiaffi? No, per carità, suona bene disperato com'è!


MONTECARLO FIRE - 01-02-2010

Lunedì 01 febbraio la band romana Montecarlo Fire nel programma di Ecoradio "Lo stato interessante". http://www.myspace.com/montecarlofire

montecarlo_fire

 


SAN LA MUERTE - 18-01-2010

Lunedì 18 gennaio la indie band San La Muerte ospite negli studi de "Lo stato interessante", il programma di Alfredo Angelici su Ecoradio.

www.myspace.com/sanlamuertemusic

san_la_muerte

 

 


 

FONDERIA ROMANA - 28-12-2009

Lunedì 28 dicembre i Fonderia Romana, band funk elettronica, intervistati nel programma di EcoRadio, "Lo stato interessante".  www.myspace.com/fonderiaromana

fonderia_romanaBIOGRAFIA

La Fonderia Romana nasce nel 2003, con formazione originaria composta da Tiziano (basso), Andrea (batteria), Filippo (chitarra), Nicola (synth) ai quali si unisce nel 2005 dopo alcuni cambi di formazione Eleonora come nuova “voce” del gruppo. L’attitudine melodica della nuova cantante offre lo spunto per una rivisitazione di tutti i brani e l’impatto sonoro della band, inizialmente caratterizzato da un funk-rock con un approccio molto diretto, cambia volto. Nascono così nuove canzoni dal taglio dub e testi più introspettivi. Il gruppo avvia una serie di live nei locali capitolini con ottimi riscontri. La contaminazione tra il nuovo volto Electro e le radici Funk diventa l’ elemento caratteristico della formazione romana. La necessità di creare un filo diretto con il nuovo pubblico porta alla realizzazione del sito www.fonderiaromana.org e l’apertura del myspace www.myspace.com/fonderiaromana. All’inizio dell’estate del 2005 la Fonderia Romana viene invitata ad una collaborazione con il gruppo hip-hop “La Squadra” che porta successivamente ad un tour promozionale del loro disco ( “Il Locale”, “Frigo” nell’ambito della rassegna dell’estate romana “Fiesta”, ecc …). Nel 2006 la band presenta “Ferromagnete” contenente due brani inediti ascoltabili sul sito. Ha quindi inizio un’intensa attività live che, arrivando fino ad oggi, porta la Fonderia Romana sui palchi più noti della scena emergente capitolina (“Alpheus”, “Classico Village”, “Linux Club”, “Qube”, “Locanda Atlantide”, “Coetus”, “Traffic”, ecc …) e che prosegue con crescente successo. Il gruppo partecipa a numerosi contest e festival (“Festa di Liberazione”, “MarteLive”, “Festival di San Romolo”, “Vudstok in Sabina”, ecc…). I live della Fonderia Romana vengono presentati anche presso i Centri Sociali della capitale (“La Strada”, “Auro e Marco”, “Acrobax”, ecc …). Nel 2007 la band è “finalista - Centro Italia” nella rassegna RockTargatoItalia. A Settembre nell’ambito della manifestazione del Comune di Roma “Aspettando La Notte Bianca” la band si esibisce con Chino Blaze presso l’Anfiteatro di Tor Bella Monaca, Roma. Ad Ottobre la Fonderia Romana presenta il suo live presso l’Università di Roma “La Sapienza”. Nel Novembre del 2007 il gruppo si esibisce al M.E.I. (Meeting Etichette Indipendenti) di Faenza dove riceve il premio Samigo “Band da Produrre 2007”. Nell’Aprile 2008 la Fonderia Romana presenta il suo album d’esordio omonimo (Fonderia Romana, 10 tracce, 2008, Videoradio, ascoltabile dal myspace), registrato in studio a partire dagli ultimi mesi del 2007, che raccoglie consensi significativi nel panorama underground romano. Numerosi sono i passaggi in radio (RadioRai Uno nel corso della trasmissione “Demo”, Radio Rock, Radio Rock Italia, Radio Città Aperta, Radio Onda Rossa, ecc…), le interviste ed esibizioni televisive (“Musicamente” Yes TV, “Radio Casbah” di Enrico Capuano, ecc…) e radiofoniche (Radio Rock, Radio Spazio Aperto, ecc…). La band condivide il palco con diversi artisti della scena underground capitolina (Riccardo Sinigallia, Giulia Anania, ecc…). Nel Maggio 2008 la Fonderia Romana partecipa all’iniziativa di Radio Life Gate “Talenti per natura” con un singolare showcase “a impatto zero” su un bus itinerante. Nel mese di giugno, per motivi lavorativi, Nicola lascia il progetto della Fonderia Romana, che decide di continuare il proprio percorso musicale con quattro componenti provvedendo per conto proprio all’elettronica da inserire nei nuovi brani. A Luglio la band accede alle semifinali nazionali della rassegna “Festival degli Interpreti” (Castel Fidardo, Ancona). A Dicembre la Fonderia Romana entra in studio per le registrazioni del suo secondo lavoro autoprodotto che esprime maggiormente l’evoluzione del sound della band. A partire dai primi mesi del 2009 la Fonderia Romana partecipa ad una serie di concorsi nazionali (Sound Is Life, Rock Targato Italia, ArèRock Festival, Festival delle Cattive Abitudini,etc…) che la portano ad esibirsi live in diversi locali romani (Dimmidisi Club, Contestaccio) e in altre città italiane (“I Bucanieri” a Barletta (BA), “Sud Club” a Caserta). In particolare la band arriva ad essere semifinalista nel concorso per artisti emergenti Sound Is Life e semifinalista per il centro italia per Rock Targato Italia.
Nel corso degli anni intorno al progetto Fonderia Romana si è raccolto un collettivo di artisti che ha contribuito e contribuisce alla crescita della band:
Fotografi: Daniele Di Pietro e Michela Czech (http://www.ddipietro.com),
Marco Ventimiglia (www.myspace.com/marcoventimiglia)
Grafica e design: Andrea Ralli, Sara Averardi e Francesca Pachino

 


MAXSIN -21-12-2009

Lunedì 21 dicembre ospiti in studio nel programma di EcoRadio MaxSin, band romana alternative rock. www.myspace.com/maxsinshow

maxsin_jpgBIOGRAFIA

 Nel marzo 2006 Massimiliano Russo in arte "MaxSin" dà vita al suo progetto musicale avvalendosi del supporto di Andrea Neri (chitarrista e arrangiatore) e, successivamente, di: Alessandro Accardi (batteria), Alessio Contorni (Synth), Laura Piccinetti (basso) e Serena Ottardo (backin' vocalist e perfomer). Lo scopo del progetto è quello di sperimentare l'unione tra rock moderno e musicaltheater con una forte componente melodica: un connubio di elettronica, alternative rock e gothic music. Da questa fusione di stili nasce il concept album "Vino, Rose e Tentazione".

Nell' estate 2006 avviene la prima session di registrazione del singolo "Lei" che, all'inizio del 2007, grazie alla collaborazione con lo Zoosymphony di Roma, sarà poi registrato in studio. Tra gennaio e febbraio, Alessandro Giordani dirige per la Digital Room il video-promo del singolo: petali di rosa che cadono dall’alto, specchi e bicchieri di vino in frantumi creano l’atmosfera giusta per raccontare l’amore per una donna fatale. Nel luglio 2007 MaxSin conosce il percussionista Tony Cercola, celebre per le sue collaborazioni con Edoardo Bennato, Pino Daniele e Enzo Gragnaniello: grazie a questo incontro nascerà "Hoka hoka hey", brano che prende il titolo dal famoso urlo di coraggio degli Indiani d'America. La canzone è caratterizzata da una fusione tra rock e sound mediterraneo. Nel gennaio 2008 inizia la session di registrazione del disco che conterrà quattro pezzi: Lei, La bambola (la canzone resa famosa da Patty Pravo è rivisitata in chiave moderna con la backin’ vocalist Alessia Alongi), Hoka hoka hey e Aquile in volo.

Nell'aprile 2008 MaxSin accoglie nel suo progetto il marchio Coniglio Bianco, già presente nella scena romana della moda alternative. Il team si occuperà della sessione fotografica, del booklet del cd e della grafica del progetto. Il promo esce ufficialmente a luglio 2008 con un formato composto da cd e dvd video.

L'11 ottobre 2008, al Jailbreak di Roma, viene presentato con grande successo lo spettacolo tratto dal concept “Vino, Rose e Tentazione” al quale partecipano anche la danzatrice del ventre Zaira Giannotti ed il chitarrista Bernardo Nardini.
MaxSin è un frontman in grado di coinvolgere emotivamente il pubblico e di farlo sentire parte integrante dello spettacolo ed il consenso non tarda ad arrivare: il 18 aprile 2009, dopo un cambio di line-up che vede entrare nel progetto Roberto Fasciani (basso) e Dario Sacco (batteria), lo show è riproposto al Blackout di Roma. Più di 600 spettatori sanciscono la riuscita della formula musicale-teatrale scelta da MaxSin, formula che è poi replicata in vari locali e piazze di Roma.
Sempre ad aprile, MaxSin partecipa alla prima eliminatoria del Tour Music Fest passandola a pieni voti con menzione speciale della giuria.

A giugno 2009 comincia la collaborazione con il produttore Roberto Cola che ha già lavorato con artisti del calibro di Patty Pravo, Francesco Gazzè (coautore dei brani del fratello Max), Nicola Buffa ,Chiazzetta ed altri ancora. Nello studio di registrazione Piano B di Roma, MaxSin, Roberto Cola e Andrea Neri lavorano sui brani già registrati nel promo e su quelli composti più recentemente, personalizzandone il sound con strumenti vintage e suoni analogici che gli conferiscono un calore e una potenza unici.il disco nuovo registrato dalla Sinner band (MaxSin-acoustic Guitar,anoligic synth, Andrea Neri-guitar-,Dario Sacco-drums-,Serena Ottardo-voice,bakin Vocal-,Roberto Fasciani-bass-,Alessio Contorni-synth-), vede la partecipazione della violinista Her (teresa de Sio ),Tony Cercola alle percussioni,Roberto Cola analogic synth loop and bass,Marco Brozzi al sax,Pier Godamn scream voice ,Irene Caraba Violoncello.

Nel frattempo la Artaud Project Video produce un secondo videoclip del singolo “Lei”, dove nell’atmosfera onirica del Momus Club, trovano spazio più di cinquanta comparse che lavorano e “vivono” nell’ambiente underground romano. La regia di Gianluca Testa dà al video di MaxSin la giusta miscela di voluttà, poesia e sogno che esprimono i testi e le musiche di questo nuovo “cantante maledetto”. 


PROGETTO MIGALA -30-11-2009

Lunedì 30 novembre l'intervista con Progetto Migala, gruppo selezionato nell'ultima serata di UnPalcoperTutti. http://www.myspace.com/progettomigala

progetto_migalaBIOGRAFIA

Progetto Migala nasce dalla voglia di intraprendere un viaggio musicale che partendo dalle tradizioni popolari del centro-sud Italia arriva alle sonorità etniche della world music. Il gruppo pone così una ricerca di sonorità volta a rispettare le Tradizioni vissute a contatto con "culture musicali altre" nell'ambito di quel che - oramai - è sempre più un "villaggio globale". Partendo da questa concezione riproponiamo brani tradizionali popolari in veste contaminata per una connessione tra centro-sud Italia e sonorità Afro, Mediterranee e Irlandesi. Il viaggio all'interno di questo paesaggio sonoro avviene grazie alla variegata esperienza musicale dei musicisti influenzati dalla ricerca popolare, dalla musica ambient, dal blues, dalle sonorità "etniche" Afro-Mediterranee ed Irlandesi per una danza della pace tra Noi, tra i Popoli.

 


DEI MIEI DEI - 27-11-2009

Venerdì 27 novembre ospiti dell'ultima puntata de "Lo stato ingteressante" su Ecoradio, i Dei miei Dèi, band romana selezionata per  UnPalcoperTutti. www.myspace.com/deimieidei

dei_miei_diBIOGRAFIA

I DeiMieiDèi nascono nel 2007 da un progetto artistico di Marco Mattei, già molto attivo negli anni passati con i Von Dooms, cantante e chitarrista dallo stile eclettico (ed elettrico!) A Marco Mattei si aggiunge da subito Marco Ricci alla batteria (attivo già con numerose formazioni) e subito dopo Luca Pacilli alla chitarra elettrica e Daniele Ciangola al basso, entrambi provenienti dai 60 Notturno, successivamente subentrerà Rocco Teora alla batteria.

Con questa formazione i DeiMieiDèi proseguono il loro viaggio musicale ed artistico, ricco di energia e potenza sonora ma anche di introspettiva poesia tra le pieghe dei loro testi! La band prosegue con intensità la sua attività live ed è attualmente al lavoro in studio per l'incisione del loro primo disco... Coming Soon! "...Dei Miei Dèi...come plastilina fusa dà forma e calore al cuore di chi sa ascoltare, l'abitudine all'istinto e all'emozione si traduce in schegge elettriche, in una raucedine di intenti..."

 


INBRED_KNUCKLEHEADINBRED KNUCKLEHEAD - 16-11-2009

Lunedì 16 novembre ospiti della scorsa puntata de "Lo stato interessante", programma radiofonico di Eco Radio, gli Inbred Knucklehead, la band hardcore country funk selezionata nella serata di UnPalcoperTutti. www.myspace.com/inbredknucklehead

BIOGRAFIA

INBRED KNUCKLEHEAD nascono dai carboni ardenti della Roman BBQ nella primavera del 2008.
Mike Botula and Kristian Mellergaard Hansen rifiutarono le influenze delle band passate, e per la prima volta alla testa di questo  progetto portarono una grande beatitudine e ammirazione musicale a tutti quanti. Dario Sacco si unì a questi banditi fuorilegge dopo che la band prese la volta della scena live.

Combinando gli studi distorti di conservatorio classico di Kristian con l' hardcore svedese, le smielate melodie danesi con le allegre improvvisate di country-funk e lo stile surf-punk LA di Mike. Dario incollò infine il progetto unendo l'ispirazione dei duri colpi della lotta kung-fu al doublekicking Roman drumming

. Nella moltitudine di queste influenze la musica cominciò a  scriversi da sola. Venne deciso che nessuno stile doveva essere escluso dal progetto, formando così una fusione di rock, country, ska, funk-n-punk, samba, reggae, hip-hop death-core. Il palcoscenico amò i ragazzi e i ragazzi amarono il palco travolgendolo con le loro buffonate,  le strane facce, l'energia esplosiva, e con tutto ciò che mette di buon umore. Ad ogni spettacolo il pubblico chiede sempre di più ed essi  sono sempre disposti a darlo..e a volte di più!

 Quindi non potrete che venire travolti da questo spettacolo o sedervi e ascoltare le loro ibride fusioni sonore.

 


NIZNI - 9-11-2009

Lunedi 9 novembre ospiti della puntata de "Lo stato interessante" su EcoRadio i Nizni, indie rock band romana. www.myspace.com/nizni.

nzniRECENSIONE MARTELIVE 2009 Nizni & the Roadhouse (www.myspace.com/nizni) ci tengono a mettere subito le mani avanti: d’accordo che la geometria può essere questione d’opinioni, ma loro provengono idealmente dal delta del Mississippi, non dal triangolo delle Bermude. Calpestando l’ orlo dei jeans troppo lunghi capita allora di disseminare le proprie tracce e strofe lungo la pista lasciata da una donna (“Woman”) mentre una fisarmonica ci accompagna lungo il percorso tracciato dall’ ostinazione senza lasciarsi fermare neanche da un abbozzo di assolo di chitarra piantato lì a rendere accidentata la marcia verso l’abbraccio: “This is my heart, those are my arms, whisper your dreams an they'll be mine”.

La placida indolenza diventa quieta mistica della sopportazione in “Begin to smile”, un’ altra ballata in cui la voce sussurra lo stoicismo del lonesome cowboy, il cui passo pesante si ferma a riposare solo dopo che un violino triste ha cantato il suo vagare nelle pianure. “What I said” ha un ritmo più cadenzato, sembra un blues da lavoro pesante, quando il corpo dice una cosa e la mente un’ altra. Interessante il pattern per chitarra e batteria nel mezzo del brano, ma comunque la cadenza è giusta: se uno ha detto qualcosa seriamente in quelle condizioni, è bene ascoltarlo, prima di dire: “meglio che si prenda una vacanza...”.

“Winter”: la solitudine immobilizza come un congelamento, ed il sole anemico proprio non ce la fa a penetrare sotto le coltri di neve e la pelle intirizzita del montanaro; efficace fin nelle ossa, questa ballata in cui, sull’ arpeggio cristallizzato, si staglia un ritornello che cerca di dare un po’ di calore a chi è rimasto in qualche modo bloccato tra i ghiacci o tra la gente. “I take care” non parla di qualcuno che arriva quindi con una provvidenziale stufetta e ci si mette a cavalcioni per scaldare il retto femorale; no, è sincero country-folk che elenca con l’armonia della semplicità le cose di cui non preoccuparsi perchè fanno da sole e, con genuinità segnata da un mandolino un po’ bluegrass, dichiara sotto un cielo terso di curarsi piuttosto solo “of you, of me, of us together”, di te, di me, e di entrambi insieme. Certe volte questo è già troppo, ma certe volte non ci si fa caso, come quando una voce femminile si unisce al trio di base nella ottima, lineare “Somebody help me”. Puliti ed immediati, Nizni & the Roadhouse, sanno quello che fanno ma lo fanno quasi senza farci caso.

(Marco Settembre)

 

 

 
Pubblicato in LFM Lazio
Domenica, 25 Gennaio 2009 12:43

Lo Stato Interessante al Lian Club

Ecoradio presenta "Lo stato interessante live", giovedì 5 febbraio 2009 alla 22.00 al Lian Club. Lo Stato Interessante esce dagli studi radiofonici e mostra la sua faccia. Quello di domenica sarà il primo di una serie di incontri mensili con i protagonisti della scena musicale romana e non solo. Una vera e propria traduzione live dello show radiofonico. L'emozione della diretta radio calata nell'atmosfera soffusa di una serata live. Il conduttore, in diretta dal Lian Club accompagnerà microfonicamente gli ospiti (musicisti cantanti, poeti e commedianti) collegando i vari  interventi attraverso dei talk radiofonici.

Il tutto sotto si svolgerà sotto l'egida e per  MEDICI SENZA FRONTIERE, la più grande organizzazione umanitaria di soccorso medico ,da anni impegnata nella protezione delle vittime di guerra. La puntata, adeguatamente trattata per la messa in onda, verrà riproposta in fascia serale sulle frequenze di Ecoradio (Roma 88.300 fm; Napoli 92.100 fm; Calabria 103.800 fm; Catania 89.800 fm). Sarà una possibilità per i musicisti di esibirsi, avere una visibilità radiofonica e, allo stesso tempo, di legare la loro professionalità a contenuti e tematiche di attualità e solidarietà. Per il pubblico sarà, invece, un'occasione per assistere ad un effervescente spettacolo di intrattenimento musicale .


Anchors:
Alfredo Angelici
Babyra


Performers:
Jonis Bhascir (soul)
Eric Daniel (old sax-nu soul)
Babyra (Nu Soul Jazz Funk)
Lily Latuheru (Nu Soul)
Emanuela Ottaviani (Jazz)

Musicians:
Stefano Malatesta (Chitarra)
Francesco Licciardi (Basso)
Marco Valeri (Batteria)
Peter De Girolamo (Piano/Tastiere)


Guests:
Giorgio Colangeli
Carolina Crescentini
Arcangelo Iannace



in
Interverrà per Medici Senza Frontiere
Sergio Cecchini


LSI LIVE
giovedì 5 febbraio 
dalle 22.00
Lian Club via Degli Enotri, 8
San Lorenzo


Cos'è Lo Stato Interessante

LSI è una trasmissione radiofonica di intrattenimento, musica spettacolo ed altre amenità. Due ore di diretta frizzant' allegra su Ecoradio, in onda ogni giorno dalle 13.00 alle 15.00 ed il week end in replica alla stessa ora. Uno spaccato di attualità, satira e piccole follie della vita quotidiana sono gli ingredienti dello show. Interviste, improbabili e non, presentazioni di dischi, libri, spettacoli e film sono il naturale condimento delle puntate, con un occhio sempre attento alle tematiche care ad Ecoradio: AMBIENTE, DIRITTI E SOLIDARIETA'. Il tutto presentato dal tono scanzonato e irriverente del conduttore ed autore Alfredo Angelici.


La sigla:

“E' una serata tranquilla in una città che sa mantenere i suoi segreti...Ma una trasmissione radiofonica cerca ancora delle risposte alle insistenti domande della vita: ci hanno tramandato il principio che la vita è sofferenza, quindi, se vi capitasse di essere felici abbiate pazienza...Ben presto finirà!”

Radio America
Pubblicato in News Partner
Privacy Policy

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Leggi l'informativa.