Visualizza articoli per tag: Teatro Biblioteca Quarticciolo

Martedì, 15 Marzo 2011 16:43

Cinque formiche sono più di quattro elefanti

29 marzo-10 aprile 2011   Teatro Biblioteca Quarticciolo


Laboratorio per giocare con la matematica per bambini dai 6 ai 10 anni

 

un’idea di Sabina de Tommasi

con

Patrizia Di Fabrizio, Perla Moriggi, Fiona Sansone, Eugenio Spagnol, Massimo Talone

ingresso libero con prenotazione obbligatoria
via email a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
o telefonicamente al n.
06.45460705/06.98951725

“Cinque formiche sono più di quattro elefanti”, questo è un bel dilemma anche per il laboratorio rivolto ai bambini dai 6 ai 10 anni, che il Teatro Biblioteca Quarticciolo propone dal 29 marzo per giocare con la matematica. Il titolo è preso in prestito da una fortunata e divertente trasmissione per bambini realizzata dalla TV svedese negli anni Settanta.

Da un’idea di Sabina de Tommasi, il laboratorio non è finalizzato all’apprendimento della matematica, né della geometria, è invece un’occasione per giocare con i bambini e scoprire la storia di Eratostene di Cirene; imparare a contare con le dita come fanno altri popoli; costruire quadrati magici e tangram colorati.

 

È possibile scegliere un giorno tra i seguenti:

martedì 29 marzo - ore 10.30

mercoledì 30 marzo - ore 10.30

giovedì 31 marzo - ore 10.30

venerdì 1 aprile - ore 10.30

sabato 2 aprile - ore 16.00

domenica 3 aprile - ore 10.30

domenica 10 aprile - ore 16.00

 

 

Teatro Biblioteca Quarticciolo - via Ostuni 8, Roma - dal 29 marzo al 10 aprile

ngresso libero con prenotazione obbligatoria  via email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – oppure telefonicamente al n. 06.45460705/06.98951725

Ufficio Stampa Teatri di Cintura: Amelia Realino 349.5829624 – 06.684.000.301 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in News Partner
Martedì, 15 Marzo 2011 16:34

Agostino contro tutti

2-3 aprile 2011   Teatro Tor Bella Monaca

5-7 aprile 2011   Teatro Biblioteca Quarticciolo

Sabato 2 aprile (ore 21) e domenica 3 aprile (ore 17) al Teatro Tor Bella Monaca è di scena Rolando Ravello nel ruolo di un operaio che vive con la sua famiglia nella periferia romana: Agostino – Tutti contro tutti”, per la regia Lorenzo Gioielli. Nato dalla penna dell’attore e scrittore Massimiliano Bruno, lo spettacolo racconta le storie estreme e le realtà amare che popolano la periferia di Roma, come quella di Milano, Napoli e Palermo.

Un giorno Agostino esce dal suo appartamento situato al quarto piano di un palazzone a Tor Bella Monaca; è vestito in giacca e cravatta e insieme a sua moglie sta portando il figlio in chiesa per la Prima Comunione. Quando tornerà per festeggiare si accorgerà che la sua chiave non apre più la porta. Gli hanno occupato casa, o meglio, gliel'hanno rubata. Alla Polizia dicono che non ci possono fare nulla perché Agostino non ha nessun titolo per dimostrare che l'appartamento è suo. Come capita abitualmente nelle periferie italiane dove vige ormai la legge del Far West, il nostro aveva dato una buona uscita per prenderne possesso, ma quella casa, che era stata assegnata negli anni ‘70 a un signore ormai deceduto, è diventata "bottino di guerra". Agostino allora decide di riprendersela. Occupa il pianerottolo insieme a tutta la sua famiglia e da quel momento in poi comincia la sua battaglia personale contro tutto e contro tutti.

“Agostino – racconta il regista Lorenzo Gioielli –  è un antieroe piccolo piccolo, che riesce a resistere alla tentazione di mescolarsi con i “cattivi” uscendone, però, quasi distrutto. Rolando Ravello interpreta tutti i personaggi della commedia, Agostino stesso, nonni, mogli, figli, i loro insegnanti, i loro compagni di scuola, e ancora sacerdoti, temibili delinquenti e i nuovi occupanti della casa, disegnando in un’ora e mezza un affresco comico e struggente della nostra epoca e dell’eterna lotta a cui si è costretti per non soccombere all’arroganza ed alla sopraffazione”.

Lo spettacolo replica dal 5 al 7 aprile al Teatro Biblioteca Quarticciolo.

 

di Massimiliano Bruno
regia Lorenzo Gioielli
con Rolando Ravello
con le canzoni e le musiche di Alessandro Mannarino

 

Teatro Tor Bella Monaca - via Bruno Cirino, angolo Duilio Cambellotti, Roma - 2 aprile ore 21

-3 aprile ore 17

Info: 06.2010579  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Botteghino: 06.2010579   www.teatrotobellamonaca.it

Teatro Biblioteca Quarticciolo - via Ostuni 8, Roma - dal 5 al 7 aprile ore 21

Info: 06.45460705 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -Botteghino 06.98951725 www.teatrobibliotecaquarticciolo.it

Biglietti: intero 10€ - ridotto 5€ - per i bambini fino a 10 anni 2€

Ufficio Stampa Teatri di Cintura:

Amelia Realino 349.5829624 – 06.684.000.301

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Pubblicato in News Partner
Martedì, 15 Marzo 2011 16:26

Ragazze, nelle lande scoperchiate del fuori

29-30 marzo 201111   ore 21.00    Teatro Biblioteca Quarticciolo

31 marzo-1 aprile 2011   ore 21.00    Teatro Tor Bella Monaca

 

Martedì 29 e mercoledì 30 marzo (ore 21) debutta al Teatro Biblioteca Quarticciolo una grande attrice e autrice, scrittrice e affabulatrice incalzante, che da sempre scandaglia l’animo e la coscienza femminile raccontandone la disperazione e la leggerezza, le contraddizioni e le fatiche, il mistero e la poesia: Lella Costa presenta il recital “Ragazze, nelle lande scoperchiate del fuori”. Un’occasione unica per riflettere sulle infinite sfaccettature dell’universo femminile, portate sulla scena dal genio della regia di Giorgio Gallione nell’elegante intreccio delle musiche di Stefano Bollani. Lo spettacolo replica il 31 marzo e il 1° aprile (ore 21)  al Teatro Tor Bella Monaca.

 

«Mi piace seguire alcuni fili di narrazione, che spesso coincidono con degli autori - Shakespeare, Eliot, Calvino – commenta Lella Costa –  E se Alice finiva con una premonizione inconsapevole (“se c’é un tempo per dormire e uno per morire-forse c’é anche un tempo infinito per sognare”), Amleto cominciava con una sorta di parafrasi dello stesso celeberrimo verso (“Esplodere o implodere, questo é il problema”). Calvino, appunto. E ancora da Calvino, attraverso la citazione appassionata che me ne ha regalato un’amica pittrice, ha cominciato a prender forma questo nuovo spettacolo: da quella sua Euridice “altra”, che sotto lo sguardo protettivo e vagamente ottuso di un uomo assai potente - un dio, nientemeno - che proprio non se ne fa una ragione, si ostina a voler abbandonare la sicurezza di una casa per avventurarsi nelle “le lande desolate del fuori”. Folgorante a confermare (vedi Traviata) come lo sguardo maschile, quando é “buono”, a volte sappia leggerci addirittura meglio di noi stesse. E’ questo che vorrei provare a raccontare-questo andare, incerto ma inesorabile, questo voler esplorare e partire e mettersi in gioco e capire, questo continuo sfidare e chiedere conto e pretendere rigore e rispetto e coerenza ( “il talento delle donne sperdutamente amate/l’innocenza con cui puniscono per le cose mai avverate”: anche Fossati é un buon compagno di strada...); la fatica e la leggerezza, il dolore, lo sgomento, la rabbia, i desideri, “l’arme e gli amori”-cortesie pochine, temo; la testardaggine, l’autoironia, il magonismo terminale, la sorellanza che forse é perfino più inquieta della fratellanza; la violenza, ahimé, inevitabilmente; e l’inviolabilità, anche, possibilmente. Euridice e le altre, nei secoli protagoniste o (e?) testimoni di uxoricidi impuniti e vessazioni quotidiane, di espropriazioni subdole e continue, di gesti eroici e delitti inauditi, e di quel costante, incoercibile, formidabile accanimento terapeutico nei confronti del futuro. Euridice e le altre, sicuramente non tutte ma molte - le “ragazze senza pari” che abitano, e animano, la nostra vita e la nostra memoria. E che, compatibilmente con il mondo, riescono ad essere straordinariamente creative, e irresistibilmente simpatiche».

 

di Lella Costa, M. Cirri, Giorgio Gallione
regia Giorgio Gallione
con Lella Costa
scena e videografica di Paolo Bazzani
costume di Antonio Marras
musiche di Stefano Bollani
luci di Marco Elia
montaggio video Rino Stefano Tagliafierro
assistente alla regia Giulio Costa

Irma Spettacoli


 

Teatro Biblioteca Quarticciolo - via Ostuni 8, Roma - 29-30 marzo ore 21.00  

Info: 06.45460705 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -Botteghino 06.98951725 www.teatrobibliotecaquarticciolo.it

Teatro Tor Bella Monaca - via Bruno Cirino, angolo Duilio Cambellotti, Roma - 31 marzo- 1 aprile ore 21.00

Info: 06.2010579  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Botteghino: 06.2010579   www.teatrotobellamonaca.it

 

Biglietti: intero 10€ - ridotto 5€ - per i bambini fino a 10 anni 2€

Ufficio Stampa Teatri di Cintura:

Amelia Realino 349.5829624 – 06.684.000301

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in News Partner

con Maria Rosaria Convertino, fisarmonica
Umberto Vitiello, percussioni

Accademia Filarmonica Romana

Domenica 27 marzo (ore 17) il Teatro Biblioteca Quarticciolo presenta “La lnotte della tammurriata”, un pomeriggio di musica arcaica e modernissima: un ritmo che chiama la danza, come un rito, diffuso dalla Grecia antica al Salento, e da lì a tutto il centro-sud dell'Italia. Misteri, credenze, paura e speranza dell'uomo davanti alla natura. Da sempre e per sempre. Due superbi musicisti ci scaldano il corpo e il cuore.

La giovanissima Maria Rosaria Convertino, nata in Puglia e stabilitasi a Roma per completare gli studi, ha già un nutrito curriculum di concerti e di premi, tra cui il Soroptimist 2009 dedicato ai talenti emersi dai conservatori di tutta Italia. Ha cominciato con la fisarmonica a piano passando poi al bayan, mantenendo però la padronanza dei due strumenti, che alterna a seconda che il repertorio sia colto o popolare, potendo così passare da Bach al folk di cui è apprezzata interprete.

«Suono da quando sono nato, ma a vivere di musica ho cominciato a Gorée: una piccola isola a poche miglia da Dakar, per lunghi anni teatro di atrocità nei confronti degli schiavi.» Di qui l’interesse di Umberto Vitiello per gli altri, per i popoli che non hanno voce, e il perfezionamento della sua tecnica in Senegal e in Brasile. Percussionista, vocalist, compositore, proveniente da una formazione pianistica, è anche musico terapeuta, ha al suo attivo numerose collaborazioni in ambito artistico e una maturata esperienza nel settore didattico.

 

Teatro Biblioteca Quarticciolo - via Ostuni 8, Roma - 27 marzo ore 17

-13 marzo ore 17 

Info: 06.45460705 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -Botteghino 06.98951725 www.teatrobibliotecaquarticciolo.it

Biglietti: intero 10€ - ridotto 5€ - per i bambini fino a 10 anni 2€

Ufficio Stampa Teatri di Cintura:

Amelia Realino 349.5829624 – 06.684.000.301

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



Pubblicato in News Partner

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti