Venerdì, 16 Maggio 2008 01:35

A proposito di design architettonico: Ara Pacis? No, "discutio facilis"

Scritto da Maria Logroio
Vota questo articolo
(0 Voti)
[ARTI VISIVE]

I soliti paradossi della vita! E' incredibile come un'area, che porta il nome di "Ara Pacis", nata per esaltare e celebrare la pace, sia invece oggetto di discussioni e attacchi continui. Se solo Augusto potesse parlare!
Chi è Augusto?Ma Augusto Imperatore. Fu lui a volere questo altare per celebrare la pace stabilita in tutto l'Impero Romano dopo le sue imprese in Spagna e Gallia. E la sua inaugurazione ebbe luogo il 30 gennaio del 9 a.C.


Un tesoro storico, culturale e testimone dei tempi che furono, collocato in una zona del Campo Marzio nel centro di Roma, è divenuto oggi tra politici di opposte fazioni, cittadini, sovrintendenze e Beni culturali "il tempio della discordia".
La teca dell’Ara Pacis, progettata dall’architetto Meier costituisce la prima opera di architettura realizzata nel centro storico di Roma dalla caduta del fascismo, con il fine di preservare "la storia" dal tempo tiranno e dalle sue amare conseguenze.
Per custodire l'altare dedicato alla figura di Augusto, è stato ideato un vero complesso, permeabile e trasparente, pensato in funzione del contesto urbano, così da non mettere in discussione la salvaguardia del monumento.

Il tutto realizzato in travertino, stucco, acciaio e vetro. Tutti materiali che garantiscono una certa sicurezza e protezione, ma nel contempo che danno risalto e valore al tesoro artistico che custodiscono, garantendone visibilità e luminosità. Quasi come fosse una vera e propria casa.
Ora però c’è un dibattito in corso. Il neo-sindaco di Roma Alemanno sostiene che la teca di Meier sull'Ara Pacis è da rimuovere, mentre la giunta Veltroni si oppone, sostenendo che questo risulterebbe un intervento fuori luogo ed invasivo.
Si parla di scontri tra Sovrintendenze e Beni Culturali.
C'è il ministro Urbani che sostiene che il progetto sarà alleggerito; Veltroni vuole proporre un concorso internazionale per ridisegnare la piazza ma dal Ministero non arriva alcuna conferma.
Chi la spunterà? Noi aspettiamo con ansia un autorevole segnale dell'Imperatore Augusto…
Letto 9654 volte Ultima modifica il Mercoledì, 06 Maggio 2009 22:57

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti