Martedì, 21 Dicembre 2010 14:25

La Luna elettrica di Giulia Morgani

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
[TEATRO]

luna_elettrica_4ROMA- Dal 14 al 19 dicembre, al Teatro dell'Orologio, è andato in scena Luna elettrica, spettacolo diretto  e interpretato da Giulia Morgani e Federico Palmieri.  La storia racconta di due potenziali suicidi, Danny e Roberta, che in uno squallido bar di periferia si trovano per caso a condividere, non senza rabbia, ansie e sensi di colpa per una vita allo sbando.

A volte basta poco per trovarsi: due tavoli vicini, un po’ di patatine, ma soprattutto il bisogno catartico di confessarsi  con “l’estraneo”, colui di cui non temiamo il giudizio. E così è…tra insulti e imprecazioni, i due protagonisti troveranno l’unica exit strategy al suicidio: l’amore! Un sentimento di liberazione che  possa far dimenticare il passato di violenza dei due giovani ragazzi.
Liberamente tratto da Danny and the Deep Blue Sea, scritta da John Patrick Shanley, Luna elettrica sceglie come microcosmo la borgata romana e ne racconta con pochi mezzi, ma tanta volontà (diciamolo!), le contraddizioni, le miserie e la voglia di riscatto.
L’allestimento scenico, a dir poco minimal, poteva aiutare ad esaltare la forza drammaturgica dei protagonisti, ma non è andata esattamente così a nostro avviso: un po’ per la difficoltà di rendere interessante un continuo dialogo fra i due che in alcuni casi rasentava il ridicolo (volutamente o meno?), ma anche per la sensazione di essere sempre a metà fra dramma e sit com.
Gli intermezzi musicali, poi, del pur bravo Edoardo Luttazzi, spezzavano la tensione scenica oltre a regalare qualche sorriso al pubblico. Limiti strutturali, quindi, ma che non mettono in dubbio la bravura degli attori. E su questo giro di vite  padroneggia la luna (elettrica), icona postmoderna di un romanticismo in declino.

Angelo Passero

Letto 10822 volte

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti