Premio Piccolo Jovinelli: Tutto Precario dal 25 al 28 settembre

Tutto precario con Giada Fradeani scritto e diretto da Noemi Serracini

Attuale, amaro e divertente, così si presenta il monologo scritto dalla giovane e promettente Noemi Serracini, che, raccontandoci la storia di Sara, ci dipinge con grande naturalezza il nostro tempo, l’ambiente che ci circonda, dove tutto è precario, instabile, disarmante. Sara ha trent’anni, lavora a progetto in una reception, ha un figlio ed è separata: è una donna precaria. Attraverso il suo vissuto, in modo ironico e grottesco, a volte persino malinconico e tragico, lo spettacolo racconta il malessere di questa nuova condizione lavorativa che diventa oggi esistenziale.
Il bianco e il nero della scena, dominata dal personaggio (interpretato da una convincente Giada Fradeani ) e dalla presenza di una sola sedia, quella della reception, segnano il confine tra la vita e la morte, l’amore e la solitudine, la comunicazione e l’incomunicabilità.

Motivazione per il Premio MArteLive
Perché una giovane laureata, intelligente, bella, simpatica, brillante finisce col fare un lavoro avvilente, intellettualmente mortificante, noioso, ripetitivo, in mezzo a gente che vorrebbe eliminare dalla faccia della terra? Non lo so. E non lo sa neanche lei a quanto pare, mentre combatte con l’ottusità dei suoi colleghi, mentre ripete ininterrottamente ogni giorno le stesse frasi, mentre cerca uno straccio di uomo nel deserto dei tartari che la circonda e mentre si inventa mille escamotage per divertirsi, con se stessa sia chiaro, perché in fondo tutto questo un po’ lo è, tragicamente comico. Ce lo chiediamo un po’ tutti in questi tempi bui della nostra vita e se lo chiede anche Noemi Serracini, l’autrice di questo monologo amaro e divertente interpretato da una stupenda Giada Fradeani, che ci fa ridere, sorridere, scuotere la testa e ci fa venire voglia di ritornare tutte suffragette o tornare a casa a fare la calzetta o sterminare l’umanità.





Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti