Mercoledì, 24 Novembre 2010 11:11

Il virus dell’arte colpisce ancora!

Scritto da Eva Di Tullio
Vota questo articolo
(1 Vota)
[ARTI VISIVE]

Il_virus_dellarte2ROMA- Anita Manachino, Remo Suprani, Rossana Bartolozzi, MeRyLeM, Ivan Caponecchi, Fabrizio di Nardo, Piero Orlando sono i nomi degli artisti riuniti da Sonia Mazzoli per la seconda edizione de Il virus dell’arte, una collettiva di arte contemporanea esposta presso il GARD (Galleria Arte Roma Design) di Roma fino al prossimo 26 novembre e che noi di MArteMagazine abbiamo il piacere di presentarvi in queste righe.

Noi che siamo sempre a caccia di arte da respirare a pieni polmoni, non potevamo non lasciarci contagiare dal virus dell’arte che colpisce indistintamente qualsiasi essere che ad essa si avvicina: colori, emozioni e forme si mischiano fino a diventare un potente melting pot di microrganismi prontiIl_virus_dellarte1 a sconvolgerci. Nessuna casa farmaceutica sarebbe in grado di escogitare un vaccino: il virus dell’arte non ha cure e chi viene contagiato finisce al GARD.
I sette artisti coinvolti nell’evento provengono da luoghi diversi e sono portavoce di molteplici esperienze artistiche, anche internazionali, e proprio le loro diverse peculiarità vengono a mescolarsi in questo evento, che ha come comune denominatore la profusione dello spirito dell’arte.

Si passa dalle forme cromatiche in movimento della pittrice di Vercelli Anita Manachino alla pittura del ravennate Remo Suprani intrisa di blu, grigio e rosso; e poi l’arte visionaria di Rossana Bartolozzi, la quale cerca di intrappolare il movimento vorticoso nella cornice dei suoi dipinti. L’artista napoletana MeRyLeM propone la sua arte fotografica, in cui predomina il contrasto cromatico tra il nero e il rosso, colori che pongono in risalto quelle forme in grado di interrogare la nostra facoltà di percepire il presente, e dunque il rapporto con la memoria e il senso non razionale della nostra esistenza.
Il_virus_dellarte3E poi i romani Ivan Caponecchi, Fabrizio di Nardo, Piero Orlando, i quali usano i colori per creare un gioco in bilico tra ombre e luci, che proiettano lo spettatore dentro l’opera che si compie nello spazio mentale di ogni singolo sguardo che ad essa si accosta. Questi ultimi due artisti hanno fondato "Officina Materica", ovvero una collaborazione che punta a mettere in risalto l’espressione della pratica manuale, che coinvolge contemporaneamente sia la pittura che la scultura, una vera e propria bottega come quelle che nel periodo del Rinascimento hanno dato ospitalità a grandi artisti come Michelangelo o Botticelli.
Quale occasione migliore per respirare e vedere insieme le opere di questi maestri della creatività se non al GARD?

Eva Di Tullio

Letto 11132 volte Ultima modifica il Mercoledì, 24 Novembre 2010 13:38
Privacy Policy

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Leggi l'informativa.