Martedì, 01 Giugno 2010 12:12

Tate Modern Gallery: No Soul for Sale

Scritto da Claudio Aleotti & Gabriella Catalano
Vota questo articolo
(0 Voti)
[ARTI VISIVE]
IMG_0100NEW YORK- Dieci anni fa abbiamo visto nascere uno dei luoghi che ha cambiato le rotte dell’arte moderna e contemporanea. Dalle spoglie di una dismessa centrale elettrica, infatti sorse ciò che oggi è divenuto uno dei crocevia artistici contemporanei: la Tate Modern.



Per celebrare il decimo anniversario della sua nascita, gli art-directors della Southbank hanno optato per  una scelta insolita: l’imponente  Turbine Hall con i suoi 152 metri di basamento è stata adibita a spazio espositivo, trasformandosi in un grande osservatorio sull’arte, attraverso il quale è possibile venire a contatto con le 70 gallerie, collettivi di artisti, organizzazioni no profit e centri di innovazione artistica selezionati per l’occasione, che hanno presentato i loro atelier, dando vita ad una tre giorni di promozione di tutto quel sottobosco dell’arte che gravita al di fuori del grande business. L’evento, denominato No Soul For Sale, si propone infatti di volgere uno sguardo IMG_0107all’attività di coloro che dell’indipendenza dal mercato dell’arte hanno fatto una condizione d’esistenza. Questa parata di puristi della creatività riempirà gli spazi della Tate Modern dal 14 al 16 maggio, scomparendo temporaneamente solo in tarda serata quando gli artisti si faranno da parte per lasciare spazio e voce ai colleghi musicisti, che animeranno la notte del decimo compleanno della Tate.
La mostra è stata curata da un consolidato team di professionisti che ha già proposto nel 2009 questa iniziativa a New York, presso il Dia Center For The Arts. Fra i promotori spiccano i nomi di primo piano dell’arte nostrana come Maurizio Catellan, Cecilia Alemani e Massimiliano Gioni. L’esposizione è concepita per celebrare lo spirito d’indipendenza dalle direttrici dell’arte-mercato e per proporre la globalità del respiro dell’arte mondiale. I partecipanti sono incoraggiati a mostrare la loro arte con qualsiasi mezzo o forma espressiva, dalla performance, al video, le pubblicazioni, le  installazioni interattive, o a volte, semplicemente loro stessi.

Not Soul For Sale è una vetrina, una convention di artisti o gruppi di artisti, per lo più under 40, non una vera e propria esposizione di lavori. Escludendo 3 o 4 opere presenti,infatti, non si apprezzano vere e proprie creazioni in grado di distinguersi e catalizzare l’attenzione dei visitatori. La cosa più curiosa è forse la totale democratizzazione data alla struttura dello spazio. La Turbine IMG_0114Hall appare come uno spazio unico e indefinito, che richiama la scenografia del set di Lars von Trier in Dogville (2003). Ai partecipanti è assegnato uno spazio definito solo sul pavimento, tracciato  col rosso nastro adesivo, all’interno di questi spazi aperti la gente si muoveva, si guardava attorno sorpresa, interagiva con gli artisti che spiegavano ed illustravano le loro opere, ma soprattutto la filosofia delle loro gallerie agli astanti.
Ad ogni modo, si è pure avuto l’occasione di vedere opere degne di nota, fra cui senz’ombra di dubbio l’interessante lavoro messo in scena dal un collettivo artistico di Portland, l’Oregon Painting Society ha infatti creato una sorprendente installazione che fonde il linguaggio musicale con la natura. Le stilizzate creazioni sono state selezionate dal ricchissimo archivio del Museum of Everything, una galleria sui generis già presentata su queste pagine qualche tempo fa, che è ormai un simbolo dell’arte non-formale nella capitale inglese.  Per quanto riguarda l’Italia, Milano si riconferma centro gravitazionale dell’arte contemporanea, tanto da poter ospitare in quest’arena ben 5 gallerie, preceduta solo dallo strapotere degli atelier locali e newyorkesi.

Claudio Aleotti & Gabriella Catalano
Letto 5090 volte Ultima modifica il Martedì, 01 Giugno 2010 12:21
Privacy Policy

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Leggi l'informativa.