Report Live

Mercoledì, 12 Dicembre 2007 00:05

Ratti della Sabina @ Alpheus (Roma)

Scritto da

In mezzo alla sudata folla saltellante mi sembra di intravedere una cresta multicolore, una maglia dei Rancid, un numero consistente di trecce dread in movimento, uno stivale di pelle e… anche una ridottissima gonna di jeans. Un mix di personaggi provenienti da innumerevoli realtà culturali metropolitane, senza distinzione di genere musicale preferito, stile personale o abitudini alimentari.

Martedì, 04 Dicembre 2007 09:42

E torneranno gli aquiloni nel cielo di Kabul

Scritto da

Il mio nome comincia per A come Aisha, sono tre mesi che organizzo la mia FUGA… sono nata a Berlino da genitori turchi…
Il mio nome comincia per Z come Zoya, sono passati cinque anni dal mio esilio…sono nata a KABUL e guardo il mio paese attraverso il BURKA...

E’ così che inizia Figlie di Sherazade, la storia vera di due giovani donne che si raccontano attraverso uno spettacolo di narrazione, con la speranza che un giorno altre donne possano vivere in condizioni migliori.

Venerdì, 30 Novembre 2007 10:17

Underdog. Dal MArteLive al MEI

Scritto da

Ore 19.45. Faenza, undicesima edizione del meeting delle etichette indipendenti. Padiglione E. I vincitori di MArteLive 2007, in arte Underdog, salgono sul palco dando inizio alla loro esibizione faentina.
La bionda Basia sistema la sua rinnovata tastiera assaporando le note, al suo fianco Diego, il bassista cantante circondato dai dred ma soprattutto dagli altri amici musicisti.

Venerdì, 30 Novembre 2007 08:40

Moby Dick al Palladium

Scritto da

Al Romaeuropa Festival c’era Moby Dick. A raccontarla Alessandro Baricco, accompagnato da Paolo Rossi, Stefano Benni e Clive Russel.
Quattro differenti modi d’interpretare l’opera di Melville: uno scrittore e regista, un comico, un giornalista e scrittore, un attore.

Sarebbe certo ingiusto addebitare alle Plastiscines la giovanissima età come un difetto, ma di tanto in tanto durante il loro concerto abbiamo provato la sensazione di essere a una Giornata Creativa in una scuola.Sarebbe certo ingiusto addebitare alle Plastiscines la giovanissima età come un difetto, ma di tanto in tanto durante il loro concerto abbiamo provato la sensazione di essere a una Giornata Creativa in una scuola. È un bene o un male?

Loro, più che americani (addirittura texani di Austin), sembrerebbero britannici: se non fosse per l’accento, con quei capelli di media lunghezza che coprono parzialmente gli occhi,gli Okkervil River potrebbero essere scambiati per uno di quei gruppi britpop variamente influenzati dall’estetica mod e post-punk, alla perenne ricerca della perfetta commistione fra sonorità underground e contaminazioni pop.

Mercoledì, 24 Marzo 2010 09:53

Quince in: Marlene D. – The Legend

Scritto da

31ROMA – E’ il regista stesso, Riccardo Castagnari, l’interprete dello spettacolo in scena fino al 31 marzo al Teatro Vittoria Quince in: Marlene D. – The Legend (produzione NSC Non Solo Comico & Studio 12), incentrato sull’icona del mondo cinematografico Marlene Dietrich in cui la diva è rappresentata cinquantenne, nella fase della sua vita in cui abbandona il cinema per dedicarsi al canto.

Mercoledì, 08 Aprile 2009 11:23

Torpedo Live

Scritto da

Energia allo stato puro, è la prima espressione che viene in mente per descrivere il live dei Torpedo. La band romana ritorna sulle scene dopo 4 anni dalla pubblicazione de L'Ingranaggio con un album tutto nuovo, ricco di collaborazioni di prestigio. Terrastation (Wayout), presentato dal vivo al Circolo degli Artisti di Roma, è caratterizzato da una contaminazione di generi, dal reggae al rock fino all'hip pop dei Jungla Beat, che hanno aperto il concerto e inciso la nona traccia dell'album "Baci dall'Underground".
I Torpedo Da "Alto Voltaggio", "Sempre la Stessa Musica" fino ad arrivare a "Confini" sulla base e con la collaborazione di Lee "Scratch" Perry, "guru" del reggae e primissimo produttore di Bob Marley, mantengono il palco con passione,  energia e ritmo in un live che è la prova della maturità raggiunta dalla band.

Mercoledì, 08 Aprile 2009 11:01

Sior Todero, un inguaribile brontolon

Scritto da

La commedia Sior Todero brontolon o sia Il vecchio fastidioso, meglio nota come Sior Todero brontolon, fu scritta in lingua veneta da Carlo Goldoni nel 1762. In quello stesso periodo il commediografo veneziano realizzò anche altre opere di ambientazione lagunare, alcune delle quali (I Rusteghi e Le baruffe chiozzotte) sono considerate tra le sue migliori commedie. Il motivo di tale successo è legato soprattutto all'esperienza artistica del Goldoni, oramai matura e capace di rappresentare con misura ed acume lo scontro tra generazioni e caratteri diversi. E proprio una delle commedie riconducibili al suo periodo migliore, torna in scena al Teatro Carcano di Milano. 

Pagina 10 di 11

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti