Martedì, 04 Agosto 2009 09:51

Una Sinfonia tra Terra e Cielo

Scritto da Giorgia Burzachechi
Vota questo articolo
(0 Voti)
[MUSICA]

Maestro_GolkarROMA- Il sogno del Maestro Rossana Tomassi Golkar è ormai una realtà. Tutto ciò che il suo sguardo serio e deciso aveva previsto, passo dopo passo e non senza avversità è divenuto una certezza.

Infatti dopo i successi accumulati in un brevissimo periodo di attività, il riconoscimento ricevuto il 2 giugno scorso in occasione del Concerto della Repubblica conferito dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, buone nuove giungono ora dal Campidoglio e il Sindaco di Roma ha anticipato che in occasione  della festa dei S.S. Pietro e Paolo del prossimo anno, il Concerto Evento Pontefice verrà eseguito in anteprima proprio lì, in uno dei meravigliosi palazzi costantemente vigilati dal severo Marco Aurelio a cavallo.
Tradisce non poca emozione e soddisfazione il biondo Maestro Rossana, nel ricordare quando per la prima volta ha pensato di costituire una grande Orchestra "mi trovavo a Teheran in occasione dei festeggiamenti del Capodanno del 2000, in rappresentanza dell'Italia" ed è proprio da questo clima multiculturale che ha preso vita l'idea dell'Orchestra Sinfonica dell'Europa Unita "in cui tutti gli stati possono trovare unione e identificazione". Conferenza_Stampa

Così sabato 1 Agosto 2009 in Piazza Pia ad Albano i 53 professori provenienti dalle più grandi orchestre europee, sono tornati a suonare insieme per la terza edizione del Concerto Evento Pontefice. La serata è stata particolarmente sentita da tutta la cittadinanza di Albano poiché Mons. Marcello Semeraro, vescovo della cittadina ha desiderato fosse dedicato a Papa Pio XII. Il Pontefice è una figura molto cara agli albanensi, in quanto legata ad un avvenimento storico molto particolare. Infatti Papa Pio XII, durante i bombardamenti del febbraio del 1944 aprì le porte della residenza di Castel Gandolfo per accogliere e offrire protezione alla popolazione.
Per l'occasione il Direttore Artistico Golkar ha deciso di eseguire la Sinfonia N°5 dell'Opera 64 in Mi Minore di Tchaikovskij. L'opera ben si sposa con il tema della Seconda Guerra Mondiale, poiché divisa in quattro momenti che sembrano voler inneggiare alla Divina Provvidenza per poi concludere con un andante maestoso come un grido contro gli orrori della guerra e inno di pace.

Anche l'evento che si svolgerà il 29 Giugno 2010 ha un significato storico molto importante, innanzitutto perché ristabilisce il rapporto tra quelli che Papa Wojtyla chiamava Vaticano 1 e Vaticano 2, cioè la residenza di Castel Gandolfo, e poi perché ripristina una tradizione da tempo abbandonata a Roma, un concerto in onore del Santo Padre. 
Ancora una volta, la musica s'impone come protagonista e mezzo per abbreviare le distanze, volare al di sopra delle differenze e riempire gli animi. "Dove le parole finiscono, inizia la musica" asseriva il poeta tedesco Heinrich Heine, e in questa occasione non c'è nulla da dire, buon ascolto!

Giorgia Burzachechi
Letto 4951 volte Ultima modifica il Martedì, 04 Agosto 2009 11:36
Privacy Policy

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Leggi l'informativa.