Martedì, 14 Settembre 2010 13:29

Il gran finale

Scritto da Ilenia Polsinelli
Vota questo articolo
(0 Voti)

giopvanni.buonomo-people-intro-0065-newTermina con un brindisi generale nella piazzetta grande dell'Alpheus il MArteLive 2010, il decennale per intenderci. Fiumi di spumante, sorrisi, entusiasmo e ancora tanta energia nonostante l'ora, tra i ragazzi dello staff.

La finalissima posticipata dal 9 all'11 settembre ha segnato così un grande successo sia artistico che di pubblico. Possiamo a furor di popolo decretarlo ormai, il più grande spettacolo multiartistico d'Italia. Roma, tramite il circuito MArteLive ha ospitato nella tre giorni ben 160 artisti sia a livello nazionale che internazionale.
L'apertura di un grande evento, anche se ormai longevo, suscita sempre emozioni e adrenalina giopvanni.buonomo-people-9765pura, emozioni catturate dalla telecamera onnipresente della trasmissione RAI "Unomattina" alla quale non è certo sfuggito l'interesse che uno spettacolo del genere può generare nella Capitale durante queste giornate tiepide di settembre. Un decennale che la Rai ha voluto suggellare intervistando non solo il direttore artistico, Giuseppe Casa, ma anche i responsabili di ogni sezione artistica che ogni anno selezionano oltre 5000 artisti per poi far esibire i migliori durante il Festival.
Un format mantenuto originale nonostante gli anni, un progetto che ha l'obiettivo non solo di scoprire talenti, ma addirittura si avvale di una natura sociologica, una sorta di terapia attraverso l'amore e la passione per l'arte a 360 gradi. Una passione che con il tempo è divenuta quasi una missione per tutti i ragazzi dello staff che ormai da anni sono dediti a infondere arte e spettacolo live in un'unica formula, quella dello Spettacolo Totale. Anche perchè varcare i cancelli dell'Alpheus è come immergersi in un'altra dimensione romantica e surreale allo stesso tempo e i festival a questo servono: condividere, socializzare in un unico linguaggio.

giopvanni.buonomo-nouvelle_vague-9883Molte le special guest di questa tre giorni, l'apertura è toccata ai Nouvelle Vague, direttamente dalla Francia. Questa band, conosciuta ormai in tutto il mondo con cover bossa nova e classici del punk e della new wave, ha presentato oltre ai successi dei precedenti lavori anche il nuovo album 3 uscito la scorsa estate su etichetta Pias/Self. Più di 2500 le persone accorse ad ascoltarli.
Ospiti della prima serata anche i Nobraino band rivelazione MArteLive del 2008, ormai facente parte delle Scuderie omonime, che ha consolidato il suo successo con un interminabile tour su tutto il territorio nazionale e anche affacciandosi alla scena spagnola.
Ma le sorprese sono continuate nelle serate successive con Dente, il cantautore milanese e i Diaframma, storica band toscana, protagonista della new wave anni ‘80 ed il gruppo italo-spagnolo XOC, musica elettronica e un sound misto di chitarra punk/hard rock dal ritmo "Dancerfloor Punk". La serata poi si è conclusa tutti in pista a ballare fino a notte fonda sulla giovanni.buonomo-salagrande-0419musica del Dj Set di CTRL, a suon di elettro rock.
Il gran finale di sabato 11 settembre è toccato a due ospiti graditissimi, il duo Petra Magoni & Ferruccio Spinetti con il loro progetto Musica Nuda, ovvero l'arte di saper spogliare le opere musicali a prescindere dal repertorio a cui appartengono (lirico, jazz, pop o soul): una reinterpretazione, lasciando semplicemente il midollo, la carne viva dell'opera. Una voce stupenda quella di Petra, sottolineata e arricchita dalla bravura di Spinetti, hanno regalato momenti poetici allo spettacolo.
La serata ha visto come ospite la partecipazione di Pino Marino, cantautore romano, nonchè uno dei protagonisti delle tre stagioni di Repubblica Roma Rock.
L'ultima sera è poi continuata con le sonorità del Mali con l'italo francese Sandrò Jouex e i ritmi argentini dei Tango Spleen, vincitori del concorso multi-etnico Suoni Senza Confini.
paola.zuccala-gente-IMG_7029Un altro intervento graditissimo dalla scena romana quello di Antonio Rezza & Flavia Mastrella con le loro proiezioni inedite.
Non solo i grandi ospiti hanno dato un tocco speciale alla finalissima di MArteLive, ma gli artisti emergenti, i finalisti arrivati da tutta Italia sono stati il vero motore trainante di queste tre serate uniche. Ma non finisce certo qui, il sipario che si è appena chiuso sabato notte ha segnato solo la fine di un decennio, ma ci assicura che sono già iniziati i lavori per l’edizione 2011, quindi non ci resta che darvi il nostro arrivederci al prossimo anno…

Ilenia Polsinelli

Letto 8830 volte Ultima modifica il Giovedì, 16 Settembre 2010 11:19

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti