Martedì, 01 Giugno 2010 11:02

You Are My Light: uno spot per i Mondiali

Scritto da Alessia Grasso
Vota questo articolo
(0 Voti)
[CINEMACITTA’]

Alessia_GrassoiSi inizia con delle note cariche di passione, ed una voce calda quanto bassa. Un pallone viene calciato lungo le strade di una città notturna e le luci si accendono, nelle tracce del suo percorso: il nuovo Spot Edison ci dona tutto l'emozionante pathos dei Mondiali alle porte, del Sudafrica 2010.

Presentato il 21 Maggio, nelle sale cinematografiche, lo spot è stato accompagnato dalla programmazione del film Final Destination in 3D. Di fatti, anche lo spot in sé, ha avuto l'opportunità di essere stato realizzato in 3D, dall'agenzia E-motion di Genova.
Un effetto decisamente poetico, donato sul grande schermo, nelle tre figure atletiche che per una volta hanno deposto la loro vera arte, per quella del calcio: Francesca Piccinini, la pluridecorata schiacciatrice della nazionale di pallavolo, insieme a Pietro Aradori il capocannoniere della serie A di Basket e Martin Castrogiovanni uno dei piloni più forti della Nazionale di Rugby, si lanciano la palla di calcio dei Mondiali, con tiri davvero spettacolari che ci infondono la passione degli Azzurri, tutti uniti per un tifo doveroso quanto voluto. Perchè i Mondiali fanno sempre questo effetto: puntualmente diviene un appuntamento magico sia per gli appassionati di calcio e non, unendosi tutti sotto lo stesso tetto, per gridare all'unisono un incoraggiamento di vittoria.

Lo spot Edison, ci introduce nel silenzioso attendere, prima dello scossone imminente della battaglia, con un finale quanto rassicurante Gerri Scotti che prende tra le mani il pallone lanciato dai tre atleti per eccellenza, ricordando che “Edison cambia l'energia”.
Per il nuovo spot ad emissioni zero, l'energia elettrica consumata è stata fornita dalle centrali idroelettriche del Gruppo ed inoltre è bene rammentare che Edison stessa ha avuto da sempre un contatto molto diretto con lo sport: main sponsor del Coni dal 2008, ha accompagnato gli Azzurri nei più prestigiosi appuntamenti globali, dai Giochi Olimpici di Pechino, fino ai Giochi del Mediterraneo a Pescara, senza contare i Giochi invernali a Vancouver ed quelli che prossimamente avverranno nel 2012 nei Giochi di Londra.
Impossibile quindi pensare che Edison non avrebbe appoggiato questi mondiali, considerando lo Sport prima di tutto un'energia positiva: indissolubile la metafora mostrata, nel gioco di squadra, d'intesa e complicità che avvolgono anche l'azienda da oltre centotrenta anni.
Lo vediamo così attraverso lo spot e la meravigliosa canzone degli Elizabeth, un gruppo finalista del Contest per emergenti di Edison Change The Music: il primo progetto Italiano per la cultura della sostenibilità e del risparmio energetico della musica.

Attraverso la colonna sonora, dal titolo “You're my light” (originariamente intitolata “Piove a Milano”, vergata in seguito dalla lingua inglese ed adattata per i Mondiali), scopriamo le radici rock del gruppo, abbandonandoci lungo il testo che fa da reale sostenitore di questa sfida dei nostri Azzurri.
Certo anche considerare che gli innumerevoli spot dell'Edison, presentati per questi speciali eventi, non abbiano inoltrato la visione del più che meritevole film di Clint Eastwood, Invictus, incentrato sulla Coppa del Mondo di rugby del '95, tenutasi in Sudafrica. Una delle pellicole primarie, degli ultimi tempi, che ci fanno rammentare come l'unione del gioco riesca ad andare oltre, nei rapporti umani e sociali, riuscendo a fondere più di un'anima, per qualcosa di decisamente più grande.
Noi crediamo che Edison sia solo la luminosa e potente introduzione, di un intrattenimento che porterà “la luce nell'oscurità”.

Alessia Grasso

Letto 11143 volte Ultima modifica il Martedì, 01 Giugno 2010 11:06

Lavora con noi!

Entrare a far parte del sistema MArteLive significa diventare parte di una famiglia e un collettivo di giovani organizzatori di eventi e artisti che da 20 anni innova il panorama artistico culturale italiano con decine di progetti e iniziative spesso in origine apparentemente impossibili ma poi puntualmente realizzati.
Siamo alla continua ricerca di giovani motivati e disposti ad accettare ogni tipo di sfida e soprattutto con una naturale capacità di adattamento e problem solving.
Il mondo della cultura e dell'organizzazione di eventi è più duro di quanto si pensi. 


MArteLive | Tutti i diritti riservati © 2001 Associazione Culturale Procult | P.IVA 06937941000 | Privacy | Contatti